Intervista a Francesco Anile Intervista a Francesco Anile
Francesco Anile: la straordinaria storia del tenore che ha conquistato la Scala.
Speciale L'insegnante di canto Speciale L'insegnante di canto
La responsabilità di un rapporto importante e delicato.
Intervista a Fiorenza Cossotto Intervista a Fiorenza Cossotto
Il solo nome di Fiorenza Cossotto evoca il repertorio lirico più importante
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Un aiutino per capire...

21/01/2014
Buongiorno Giulia,
mi chiamo Monica e sono una ragazza di 27 anni. Cantare per me è vita da sempre, ma ho iniziato a studiare canto da un mesetto con una lezione a settimana (pop melodico, musica leggera moderna).
A volte mi sembra di non esserne più capace. Non riesco a coordinare più la respirazione, forse per la paura di non utilizzare la respirazione giusta (che sto acquisendo solo adesso) e a volte nelle parti alte delle canzoni - dove prima arrivavo tranquillamente - mi trovo un po' in difficoltà. E' come se non riuscissi più a gestire la mia voce, a dosarla nel modo giusto.. Come mai mi sta succedendo questo? 
Altra domanda.. ascolto delle canzoni, ad esempio 'Ave Maria di Beyonce'; nella parte finale dove le parole 'Ave Maria' vengono cantate in falsetto, sento Beyonce intonare la 'i' di Maria con falsetto pieno e delicato; provo ad intonare quelle note e a quella 'i' arrivo con un po di difficoltà e nn percepisco la stessa delicatezza.
Quanto mi ci vorrà per raggiungere una buona tecnica vocale e arrivare ad intonare tranquillamente anche queste note?
Grazie! 


Cara Monica,
la tua lettera descrive un paradosso che accade più frequentemente di quanto si pensi: quando si comincia a studiare canto...cominciano anche i problemi!
Lo studio del canto è una cosa complessa ma, come forse avrai letto in qualche altra mia risposta, ritengo che vada condotto non come una costruzione di meccanismi e risposte muscolari, quanto come una scoperta graduale della vocalità, nel rispetto delle caratteristiche di ognuno.  
Se prima quindi cantavi e respiravi in maniera armonica e naturale (e ti venivano gli acuti..), è probabile che l'averti suggerito una respirazione più "difficile" e meno naturale ti crei dei problemi.
 
Con questo non voglio dire che non sia necessario saper respirare bene! Al contrario, la respirazione corretta è alla base di una buona esecuzione vocale. 
Può capitare però che si respiri già, istintivamente, nel modo giusto: in questo caso non serve complicare le cose, è sufficiente prenderne coscienza e assecondare l' istinto.
L'"istinto vocale" è un elemento da tenere nella massima considerazione, specie all'inizio dello studio. Chi possiede doti naturali dovrebbe essere guidato nella presa di coscienza di queste, senza intralciarle o complicarne lo sviluppo.
Questa la mia opinione.
 
Riguardo la padronanza vocale: studi da un mese, è pochissimo! Ci vuole almeno un anno per apprendere, o come sarebbe preferibile dire, scoprire gli elementi fondamentali del canto.
Attenzione piuttosto al tipo e al metodo di studio che ti viene proposto: se hai dei dubbi o le difficoltà persistono, guardati intorno.
 
Un abbraccio
Giulia
 
COMMENTI