Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2019
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Contraltista o tenore?

18/10/2015
Salve Giulia,
sono un ragazzo di 24 anni che studia canto lirico da qualche mese. Già dalla prima lezione la mia insegnante ha notato la mia capacità di cantare come contraltista, cantando le note alte (del registro femminile) con voce di testa e non in falsetto. Abbiamo quindi deciso di iniziare a impostare il mio registro vocale come contralto. Le lezioni procedevano bene e in questi mesi sono riuscito a tirar fuori abbastanza voce (non tantissima, ma abbastanza) anche se le note basse continuavano a essere di petto e non di testa. All'ultima lezione la mia insegnante ha voluto farmi provare a cantare come tenore (finora avevo cantato sempre come contraltista) e, con sorpresa di entrambi, sono riuscito a tirar fuori moltissima voce e a fare a voce piena anche note abbastanza alte per un tenore (un si bemolle). Ora qui sorge il mio dubbio: continuare a impostare il registro vocale come contraltista o iniziare come tenore? Cantando da tenore sono riuscito da sùbito a tirar fuori molta voce e a fare gli acuti, quindi sarei sicuramente avvantaggiato e la strada sarebbe più semplice, però è anche vero che cantare naturalmente come contraltista, a quanto mi è stato detto anche dalla mia insegnante, è una caratteristica abbastanza rara e molto ricercata nel mondo della lirica, anche se finora (sono passati solo pochi mesi in realtà) non sono riuscito a tirar fuori tanta voce come quando ho cantato la prima volta da tenore. Qual è il tuo consiglio? Continuare la strada del contraltista o intraprendere la strada del tenore?
Grazie per la tua attenzione. 
GIULIA RISPONDE
Ciao,
Sul fatto che cantando da tenore la voce sia più ampia di quella di un contraltista, direi che è del tutto normale.
La voce di testa negli uomini non può avere le stesse caratteristiche di potenza della voce piena.
Più interessante nel tuo caso è il fatto che anche "cantando da tenore" tu sia riuscito a salire con facilità agli acuti.
E' anche vero però che il contraltista bravo sia raro e quindi valga la pena di coltivare, quando c'è, questa inclinazione.
Penso che questo dubbio lo possa sciogliere solo tu: cosa "senti" più giusto per te? Da quale repertorio ti senti attratto?
Credo che tu debba partire da queste domande e da risposte vere, non dettate da aspirazioni o calcoli razionali.
Un saluto!
Giulia
 
COMMENTI