News    |    anno 2018

Il viaggio a Reims apre la Stagione 2018/19 del Teatro Sociale di Como

venerdì 07
set 2018
La Stagione 2018/19 del Teatro Sociale di Como e la stagione lirica di OperaLombardia aprono il 27 e 29 settembre alle ore 20.00 con IL VIAGGIO A REIMS, per continuare le celebrazioni dei 150 anni dalla nascita di Gioachino Rossini. Torna a Como a curare la regia lo stravagante Michal Znaniecki, mentre la direzione sarà affidata al giovane Michele Spotti, già conosciuto qualche anno fa con Opera domani. Nel cast Marigona Qerkezi, alla sua terza produzione de Il viaggio a Reims, dopo il Rossini Opera Festival, il Gran Teatre del Liceu, arriva a Como con una novità, suonerà, infatti, l’assolo del flauto introduttivo all’aria di Lord Sidney.
La prima sarà come di consueto preceduta da una PRIMA GIOVANI Under 30 il 25 settembre alle 19.00.  

«Celebrazione, concerto, oratorio: queste sono le descrizioni che troviamo parlando de Il Viaggio a Reims.
Un capolavoro del teatro musicale: così per me, regista, si scopre questo atipico intermezzo di Rossini. Una raccolta di arie e concertati, personaggi e relazioni senza una vera trama drammaturgica. Si potrebbe ridurre la storia come: arrivano e aspettano. Quanti capolavori di teatro sono nati con questo concetto! Basta citare Aspettando Godot di Beckett. Rossini ha creato uno squarcio della società che celebra se stessa. Una società che vive le proprie ossessioni, paure, isterie e umanità. Ma anche i piccoli conflitti di ogni giorno. Piccoli amori. Piccoli gesti quotidiani. Relazioni umane. Ritratti. Vittime della moda, amanti segreti, timide ragazzine e forti imprenditrici del settore alberghiero.  L’ambientazione della vicenda in un hotel termale permette di costruire una vera “gabbia di matti”, a volte caricaturali, a volte dolorosamente veri. Rossini ne è maestro e noi lo assecondiamo. Celebrando come si deve con grande Show di Corinna che trasforma la festa a tema in un grande salto nel passato, nell’epoca d’origine. Scoprendo che niente è cambiato. E i tipi umani nonostante il cambio di epoche seguono uguali. Guardiamo uno squarcio della società dell’epoca di Rossini descritto con maestria e humor. Citando le canzoni nazionali in versione parodistica, cercando improvvisazioni musicali come il karaoke di oggi. Prendendo in giro, odiando, evitando, spettegolando... Quanto ci sorprende che non è cambiato niente? Che è tutto attuale? Che di nuovo il teatro possa essere uno specchio dei nostri difetti e virtù, anche se sono passati secoli?» Michal Znaniecki

Il viaggio nell’opera lirica prosegue a Como con TOSCA in scena il 12 e 14 ottobre, FALSTAFF il 9 e 11 novembre, il 23 e 25 novembre il dittico CAVALLERIA RUSTICANA e LA VOIX HUMAINE, per finire l’11 e 13 gennaio con RINALDO.

http://www.teatrosocialecomo.it/
 
LASCIA UN COMMENTO