Audizioni Concorsi Corsi e Masterclasses Insegnanti di Canto

 
 STUDIO E PERFEZIONAMENTO
Insegnanti di Canto
Scuole e Accademie
Conservatori
Corsi e Masterclasses
Maestri collaboratori
Studi e Sale Prova
Opere e Libretti
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagina Ente

Accademia del Maggio Musicale Fiorentino

Pagina Facebook Account Twitter Profilo Google+

L’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, centro internazionale di alta formazione dell’omonimo Teatro dell’opera di Firenze, è stata costituita con l’obiettivo di garantire la più accurata e prestigiosa preparazione professionale dei giovani talenti che intendono dedicarsi alle arti e ai mestieri del Teatro d’opera.

I corsi si rivolgono a giovani cantanti lirici, maestri collaboratori, direttori d’orchestra, scenografi realizzatori, costruttori ferro, costruttori legno, attrezzisti, macchinisti, tecnici audio/video, sarti teatrali, nonché a coloro che intendono acquisire e sviluppare competenze specifiche nell’ambito dell’organizzazione e gestione dello spettacolo.

I piani formativi mirano al conseguimento di capacità e competenze specialistiche e innovative, mantenendo al contempo uno stretto legame con la tradizione del teatro musicale. La proposta didattico-formativa si distingue per una forte integrazione tra la formazione d’aula e l’esperienza di lavoro sul campo (learning by doing), nonché per un’efficace interazione tra i vari profili professionali coinvolti.

All’attività d’aula e laboratoriale è fatta pertanto seguire una significativa esperienza di palcoscenico che, sotto la guida di artisti di rilievo internazionale, consente la verifica dei risultati raggiunti e offre agli allievi l’opportunità di misurarsi con le complesse dinamiche di allestimento dell’opera lirica.

La qualità della proposta didattica è garantita da un corpo docente costituito da artisti di chiara fama e da professionisti esperti del settore. Nel corso degli anni sono stati docenti dell’Accademia illustri personaggi della lirica, tra cui Monica Bacelli, Bruno Campanella, Fabrizio Carminati, Natale de Carolis, Fiorenza Cedolins, Sonia Ganassi, Bruno de Simone, Barbara Frittoli, Leone Magiera, Bernadette Manca di Nissa, Chris Merritt, Ernesto Palacio, Renato Palumbo, Rolando Panerai, Roberto Scandiuzzi, nonché Zubin Mehta, Riccardo Muti. Le docenze dei corsi di formazione orchestrale sono state affidate alle prime parti dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino.

Le linee strategiche di sviluppo e le sinergie attuate con la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino assicurano ai giovani in formazione un contesto di crescita professionale di massimo livello, nell’ambito del quale vivere quotidianamente l’esperienza teatrale e acquisire l’arte e i segreti del mestiere secondo la metodologia dell’apprendimento “a bottega”.

Puntando proprio sulle nuove generazioni, l’Accademia si propone di valorizzare, tramandare e diffondere la ricca tradizione operistica italiana, che affonda le proprie origini in Firenze, patria del melodramma e della lingua universalmente riconosciuta come quella dell’opera lirica.

L’Accademia intende altresì dare continuità a quella fortunata esperienza che fu il “Centro lirico di avviamento”, attivo presso lo stesso Teatro del Maggio Musicale Fiorentino tra il 1937 e il 1950, nel quale si formarono alcuni tra i più celebri cantanti della storia della lirica, tra cui Fedora Barbieri, Ferruccio Tagliavini, Gino Bechi, Rolando Panerai, Franco Corelli, Gian Giacomo Guelfi e Paolo Washington.

Con l’obiettivo di promuove e diffondere la cultura musicale tra le nuove generazioni, l’Accademia ha inoltre dato vita al Coro delle Voci Bianche del Maggio Musicale Fiorentino e alla relativa Scuola di canto corale per voci bianche.

Relativamente alle relazioni istituzionali, fin dalla sua nascita l’Accademia ha realizzato progetti di cooperazione formativa e culturale con le più prestigiose istituzioni musicali nazionali ed internazionali, quali l’Accademia Musicale Chigiana di Siena, la Scuola di Musica di Fiesole, la Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna, Fabbrica del Teatro dell’Opera di Roma, l’Accademia di belcanto “Rodolfo Celletti” – Fondazione Paolo Grassi di Martina Franca, il Conservatorio Pëtr Il’ič Čajkovskij, la Gnesins Russian Academy of Music e il Galina Vishnevskaya Opera Centre di Mosca, la Syracuse University (USA), la Victoria University di Melbourne, i Conservatori di musica di Shanghai e Pechino, Pille Lill Music Fund di Tallinn, il  Teatro Bolshoi  di Mosca.

La proposta formativa e le concrete opportunità di avvio di carriera offerte hanno reso l’Accademia una realtà nota e apprezzata a livello internazionale, un valido punto di riferimento per i giovani da avviare alle professioni teatrali.

L’Accademia è un organismo accreditato dalla Regione Toscana per la Formazione Superiore e per la Formazione continua (codice di accreditamento FI0448) ed è in possesso del Certificato qualità ISO 9001:2008.

Young Artists Program

Corsi di alto perfezionamento per

Cantanti lirici e per Maestri collaboratori

 

 

Finalità e caratteristiche peculiari del progetto

Il progetto ha per obiettivo l’alto perfezionamento professionale del Cantante lirico e del Maestro collaboratore.

La finalità è perseguita attraverso l’offerta di interventi formativi altamente qualificati, aventi per oggetto il perfezionamento delle competenze musicali, stilistiche e interpretative, nonché l’approfondimento delle conoscenze culturali necessarie all’esercizio della professione.

Il progetto mira pertanto al perfezionamento delle competenze professionali di settore, a completamento del processo formativo e a supporto dell’avvio e del consolidamento di carriera.

Sue caratteristiche distintive sono:

  1. l’individuazione dei giovani talenti da ammettere al corso tramite bando di selezione internazionale;
  2. la predisposizione di piani didattici personalizzati, tali da assicurare lo sviluppo delle peculiari caratteristiche dei singoli;
  3. la scelta di un corpo docente altamente qualificato;
  4. la durata del corso, pari ad un intero anno accademico;
  5. l’offerta di una residenza stabile presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino a valere per tutta la durata del corso, grazie alla quale ai partecipanti è concessa la preziosa opportunità di vivere quotidianamente l’esperienza formativa in un contesto produttivo d’eccellenza, consentendo l’acquisizione dell’arte e dei segreti del mestiere attraverso la metodologia dell’apprendimento “a bottega”;
  6. l’assegnazione di borse di studio per tutti i partecipanti, quale contributo al mantenimento in Firenze durante il periodo di frequenza del corso;
  7. le sinergie attuate col Teatro del Maggio e la funzionalità delle attività corsuali all’attività produttiva, che consente, previa idonea attribuzione e puntuale preparazione dei ruoli, una ricca partecipazione dei partecipanti alla produzione artistica del Teatro e un graduale avvio della loro carriera.

 

Destinatari

I corsi sono rivolti a giovani cantanti lirici e maestri collaboratori in possesso di significative qualità artistiche, di predisposizione alla professione e di solida preparazione teorico-tecnica di base, che intendano approfondire tutti gli aspetti del mestiere nell’ambito della produzione operistica, e che risultino fortemente motivati all’acquisizione di competenze specialistiche tali da favorire la giusta dotazione di strumenti professionali e critici, per un avvio di carriera maturo e consapevole.

 

Percorso formativo

Il piano formativo è finalizzato al conseguimento di capacità e competenze altamente specialistiche; esso si distingue per una forte integrazione tra la formazione frontale e l’esperienza di lavoro di palcoscenico, nonché per un’efficace interazione tra i vari profili professionali coinvolti. Alle ordinarie lezioni d'aula è pertanto affiancata una significativa attività di work experience, attraverso partecipazioni a laboratori scenico-musicali e a produzioni operistiche e concertistiche del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Tali occasioni costituiscono un prezioso momento di verifica dei risultati raggiunti e un'importante opportunità di crescita artistica.

Nello specifico, i piani formativi delle due figure professionali contemplate sono articolati come segue:

 

  • Moduli formativi del Corso di alto perfezionamento per Cantanti lirici
  1. Perfezionamento musicale: tecnica, interpretazione e stile
  2. Perfezionamento tecnico-attoriale
  3. Perfezionamento scenico-musicale
  4. Approfondimenti delle conoscenze di settore
  5. Approfondimenti linguistici

 

  • Moduli formativi del Corso di alto perfezionamento per Maestri collaboratori
  1. Perfezionamento musicale: tecnica, interpretazione e stile
  2. Perfezionamento delle tecniche di palcoscenico
  3. Attività esperienziali
  4. Approfondimenti delle conoscenze di settore
  5. Approfondimenti linguistici

Nell’ambito di ogni modulo, le attività formative possono essere declinate in:

-      Discipline caratterizzanti attinenti alla specifica figura professionale di riferimento;

-      Masterclass tenute da professionisti e artisti di chiara fama, volte al perfezionamento di tecniche e abilità specifiche negli ambiti delle singole vocalità e dei repertori (tecnica, stile, interpretazione; tradizione italiana; recitazione e tecnica attoriale). Le masterclass rappresentano un momento altamente qualificante per misurare la propria preparazione nel confronto con professionalità e tecniche di riferimento;

-    Laboratori scenico-musicali interdisciplinari, concepiti come simulazione delle tipiche prove del teatro d’opera, quali prove di sala, di regia, all’italiana, antepiani, prove d’insieme, prove generali.

I brani studiati durante il percorso formativo d’aula vengono riproposti dai partecipanti sotto la guida di rinomati direttori d’orchestra, registi e opera coach, secondo il personale taglio interpretativo richiesto dal docente di turno;

-      Discipline affini e attività integrative, i cui contenuti approfondiscono e allargano ulteriormente le conoscenze della professione.

A seconda della disciplina considerata e sulla base delle caratteristiche intrinseche alla stessa, la modalità di erogazione delle docenze potrà essere:

  • individuale, che prevede il coinvolgimento di un solo corsista (il rapporto docente/allievo di tale tipologia di insegnamento è pertanto pari a 1:1);
  • di gruppo, che contempla la partecipazione di alcuni corsisti, individuati a seconda delle loro specifiche caratteristiche personali (es: qualità vocali, condivisione del repertorio, di opere, di ruoli, etc.) o secondo le necessità od opportunità del momento;
  • collettiva, che richiede la presenza di tutti i partecipanti.

Per il dettaglio delle discipline, tipologia e ripartizione nell’ambito dei moduli di riferimento, si rinvia al paragrafo “Strutturazione del corso e articolazione del programma”.

La Direzione dell’Accademia si riserva di integrare il programma di studio con quant’altro ritenga necessario per il perfezionamento artistico del partecipante.

La titolarità degli insegnamenti è affidata a docenti individuati fra i migliori professionisti del settore: artisti di chiara fama e professionisti esperti capaci di trasmettere ai giovani partecipanti un concentrato della loro esperienza teatrale, in un contesto multidisciplinare di altissimo livello.

Inoltre, ai partecipanti è data l’opportunità di seguire incontri con direttori d’orchestra, registi e cantanti ospiti del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e di assistere a tutte le fasi produttive degli spettacoli in cartellone. La partecipazione in qualità di uditori alle prove teatrali di opere e concerti offre importanti occasioni di confronto con artisti di rilievo internazionale, nonché di apprendimento sulle molteplici soluzioni tecniche, musicali e interpretative possibili; infine, essa consente di vivere l’esperienza lavorativa acquisendo consapevolezza della complessità dei meccanismi produttivi teatrali e della particolare attenzione richiesta nella gestione delle relazioni interprofessionali. Tali attività sono condotte sotto la guida dei referenti della direzione dell’Accademia e/o della direzione artistica del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

 

Attività artistica

L’attività formativa, d’aula e laboratoriale, è svolta parallelamente a quella produttiva, che viene quindi a costituire una feconda e variegata occasione di continua esperienza di lavoro nell’ambito specifico dell’attività teatrale. La natura stessa del progetto intende costituire per i partecipanti una concreta occasione di confronto con l’attività produttiva. Oltre a fornire loro i principali strumenti culturali, tecnici e metodologici per una più completa e specialistica preparazione professionale, il percorso formativo fonda la propria più ricca e peculiare specificità nell’esperienza diretta di vita teatrale.  A compimento e coronamento dell’attività formativa tout court, quindi, la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino ed eventuali ulteriori enti di produzione hanno facoltà di offrire ai partecipanti scritture artistiche per la titolarità o la copertura di ruoli in opere e/o concerti rientranti nel cartellone delle relative stagioni musicali, sia come momento di apprendimento di metodologie applicative degli insegnamenti impartiti, sia come verifica della propria specifica preparazione con la personale esibizione in palcoscenico. L’assegnazione dei ruoli solistici ai cantanti lirici (per ruoli da protagonista, comprimario o cover) e degli incarichi ai maestri collaboratori (per mansioni da maestro di sala, suggeritore, alle luci e di palcoscenico) è subordinata al giudizio della Direzione artistica dell’Accademia, la quale esprime la propria valutazione in base all’idoneità artistica del partecipante al ruolo o incarico proposto, al rendimento didattico-artistico, alla regolarità riscontrata nella frequenza delle attività formative, all’effettiva motivazione dimostrata e alla condotta tenuta dal partecipante durante l’anno accademico.

 

Durata

I corsi hanno durata annuale; l’attività ha inizio nel mese di novembre per concludersi a ottobre dell’anno successivo, con una concentrazione dell’attività d’aula e laboratoriale nel periodo compreso tra novembre e giugno.

Qualora ritenuto utile ai fini di un maggior raffinamento tecnico-interpretativo del giovane artista, al termine dell’anno accademico la Direzione, a proprio insindacabile giudizio, potrà consentire la frequenza una ulteriore annualità.

Il periodo massimo di frequenza non può superare 3 anni accademici.

La frequenza è articolata su 6 giorni settimanali.

 

Sede

Le attività sono tenute principalmente presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Piazzale Vittorio Gui, 1 – 50144 Firenze, ove l’Accademia ha la propria sede legale e operativa. Ulteriori sedi possono essere individuate nel corso dell’anno accademico.

 

Modalità di selezione dei partecipanti

Ai fini della partecipazione al corso, gli interessati sono tenuti a presentare specifica domanda di ammissione alle selezioni, nelle modalità ed entro i termini riportati in specifico bando internazionale di selezione pubblicato di norma con cadenza annuale

 

Quota di iscrizione e frequenza ai corsi

L’iscrizione e la frequenza ai corsi sono gratuite.

 

Frequenza e permessi artistici

La frequenza è a tempo pieno e obbligatoria; pertanto, l’iscrizione al corso è incompatibile con altri impegni di studio, professionali e/o artistici.

Le lezioni sono programmate indicativamente su sei giorni settimanali, dal lunedì al sabato, sia al mattino che al pomeriggio, talora anche in fascia serale. Per esigenze di programmazione dell’attività formativa e/o di produzione il calendario settimanale può talora discostarsi anche sensibilmente da quanto sopra indicato.

 

Borse di studio

Nel rispetto del limite dei posti disponibili, ai candidati ammessi in sede di selezione è assegnata una borsa di studio il cui ammontare, per l’anno accademico 2018/19, è definito in Euro 1.000,00 (Mille/00) lordi mensili, a decorrere dal mese di novembre 2018 al mese di giugno dell’anno successivo.

 

Diplomi

Ai partecipanti che porteranno positivamente a termine l’intero percorso formativo verrà rilasciato il Diploma dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino.  Le attività formative frequentate, certificate nel titolo, e le partecipazioni alle produzioni artistiche potranno essere oggetto di riconoscimento crediti in caso di iscrizione del partecipante a ulteriori corsi formativi erogati o riconosciuti da pubbliche Istituzioni. In sede di Concorso, il titolo potrà essere tenuto in considerazione dalla Commissione di valutazione qualora ciò sia contemplato dal Regolamento di concorso. 

 

Firenze, 29 marzo 2018

PRESIDENTE

Mario Curia

 

VICEPRESIDENTE

Maria Oliva Scaramuzzi

 

DIRETTORE GENERALE

Luca Ioseffini
Email: direzione.accademia@maggiofiorentino.com

COORDINATORE

Gianni Tangucci

RESPONSABILE AMMINISTRATIVO

Gianni Ventimiglia

Email: amministrazione.accademia@maggiofiorentino.com

 

SVILUPPO PROGETTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO ed ESPERTO DEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI

Fabrizio Braccini

SEGRETERIA

Irene Chiari

segreteria.accademia@maggiofiorentino.com

RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dino Rondina

RESPONSABILE QUALITA’, CONSULENTE ACCREDITAMENTO, CONSULENTE CERTIFICAZIONE QUALITA’

Nicola Iannelli

Video

Il trailer del 78° Maggio Musicale Fiorentino: 4 opere, 28 concerti e uno spettacolo di danza dal 26 aprile al 28 giugno 2015.



© Copyright 2019 - Associazione culturale non-profit "Cantare l'Opera"® - C.F.: 97445470582 - P. IVA 11060961007 - All right reserved
E' vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti contenuti del sito - Cantare l'Opera è un marchio registrato
Termini e condizioni d'uso Privacy policy Note legali Credits