Intervista a Francesco Anile Intervista a Francesco Anile
Francesco Anile: la straordinaria storia del tenore che ha conquistato la Scala.
Intervista a Fiorenza Cossotto Intervista a Fiorenza Cossotto
Il solo nome di Fiorenza Cossotto evoca il repertorio lirico più importante
Speciale L'insegnante di canto Speciale L'insegnante di canto
La responsabilità di un rapporto importante e delicato.
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Valutazione progressi

13/08/2011
Ciao Giulia,
Volevo aggiornarti un po' sulla mia situazione. Finalmente dopo 3 anni di sforzi inutili a settembre ho cambiato insegnante. Ho trovato su www.cantarelopera.com il contatto di un'insegnante di Milano.
Mi trovo molto meglio: mi da precise indicazioni didattiche ed ho scoperto con piacere che lei stessa conosce la tecnica di respirazione e gestione del fiato del Maestro Patalini.
Tuttavia dopo la precedente esperienza negativa i dubbi di non essere sulla strada giusta mi rimangono sempre.. Vorrei sapere dopo quanto tempo secondo te è possibile fare delle valutazioni pratiche e di che genere.. So che è una domanda difficile ma spero mi potrai dare qualche consiglio!

Grazie come sempre
Susy


Ciao Susy,
Venendo alla tua nuova insegnante: è una bravissima cantante, ha fatto una carriera internazionale e benchè non la conosca personalmente ha tutte le carte in regola per essere un'ottima formatrice, anzi salutamela!!!

Venendo alla tua domanda, mi sembra che una valutazione "pratica" si possa fare senz'altro, credo piuttosto si debba fare, sia necessario.
L'ideale sarebbe far convivere la capacità di "affidarsi" con una soglia di attenzione e di "coscienza critica" elevata.
Affidarsi è l'unico modo per sperimentare davvero se stessi, lasciarsi andare: condizione fondamentale per un raffinato apprendimento del canto.
Dall'altra però essere in grado di capire se l'insegnante che abbiamo scelto è giusto per noi e sa fare il suo lavoro è altrettanto fondamentale.

Le indicazioni nascono dalla capacità di capire da dove derivino il disagio che proviamo o le difficoltà che incontriamo.
Domanda n.1 : sono disposta a mettermi in discussione e accettare (fisiologici) alti e bassi nello studio?
Domanda n. 2: Ho un idea già formata della mia voce oppure sono curiosa di sapere come diventerà studiando?
Domanda n. 2: compio dei progressi (tecnici, musicali)?
Domanda n. 3: ho più o meno voglia di studiare rispetto a prima?
Domanda n. 4 (fondamentale!): ho qualche problema alla voce (afonia, stanchezza, dolori qua e là?)

Fatti questa domande tra qualche mese (diciamo almeno 4 mesi) e molte cose saranno chiare.
Un abbraccio

Giulia
 
COMMENTI