Intervista a Francesco Anile Intervista a Francesco Anile
Francesco Anile: la straordinaria storia del tenore che ha conquistato la Scala.
Speciale L'insegnante di canto Speciale L'insegnante di canto
La responsabilità di un rapporto importante e delicato.
Intervista a Fiorenza Cossotto Intervista a Fiorenza Cossotto
Il solo nome di Fiorenza Cossotto evoca il repertorio lirico più importante
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Rieducare i muscoli o... il modo di pensare?

28/10/2013
Ciao Giulia,
seguo sempre le tue risposte e sono colpita dal fatto che sai essere sempre carina e gentile, pur non creando false illusioni. Per questo ti scrivo con grande fiducia.
Ho 54 anni e canto in un coro polifonico che, pur essendo amatoriale, ha raggiunto livelli piuttosto elevati, eseguendo opere di Cimarosa, Bach, Verdi ed altri, cimentandosi anche nel repertorio rinascimentale. Da qualche anno la grande passione per il canto mi ha portato ad approfondire di più lo studio, tanto che seguo lezioni individuali con un tenore. Lui mi dice che sono un soprano lirico leggero e mi incoraggia tanto, ma io spesso mi demoralizzo, in quanto ritengo che alla mia età sia difficile riuscire a “educare” l’apparato respiratorio e fonatorio, così come il canto richiede.
Vorrei quindi sapere da te se la mia convinzione è giusta, se è ancora possibile un’educazione dei muscoli e, se sì, cosa potrebbe aiutarmi in questo.

Grazie!!!
Enrica


Carissima Enrica,
prima di tutto grazie per la fiducia. Sei molto carina.
 
E' chiaro che, come per tutte le attività, l'elasticità muscolare diminuisce con il progredire dell'età.
Ma non è questo che impedisce di studiare canto a 54 anni.
Non è corretto a mio parere considerare i "muscoli" così importanti. Piuttosto, come anche la tua lettera conferma, gli ostacoli sono di natura mentale.
Tu stessa dici che ti demoralizzi non per i risultati che ottieni (che a quanto ho capito sono incoraggianti), ma la per paura di essere troppo "vecchia" per imparare.
Non è l'età che ti crea problemi, quanto piuttosto le tue convinzioni.
Quindi io ti consiglio di mettere da parte pre-giudizi e paure e dedicarti con tranquillità e serenità allo studio.
Se poi non sarai soddisfatta dei risultati allora potrai rivalutare la situazione.
Citando un noto detto : Perchè fasciarsi la testa prima di essersela rotta???-
 
Altro è capire quanto la pratica corale ti abbia fatto acquisire abitudini e meccanismi non corretti (dipende anche da quanto tempo canti nel coro).
Quelli sì che sono difficili da modificare!!
Ma questo vale a tutte le età.  
 
Un abbraccio
Giulia
 
COMMENTI