Intervista a Fiorenza Cossotto Intervista a Fiorenza Cossotto
Il solo nome di Fiorenza Cossotto evoca il repertorio lirico più importante
Speciale L'insegnante di canto Speciale L'insegnante di canto
La responsabilità di un rapporto importante e delicato.
Intervista a Francesco Anile Intervista a Francesco Anile
Francesco Anile: la straordinaria storia del tenore che ha conquistato la Scala.
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Questione canto

20/06/2013

Ciao Giulia,
mi presento, mi chiamo Enrico. 
Ho incominciato il mio percorso musicale quando avevo 16 anni e mezzo incominciando a prendere lezioni di canto leggero in una scuola di musica. A 18 anni il mio desiderio di cantare si è evoluto ed è nata la passione per il canto lirico. Però sapevo che al conservatorio non mi avrebbero mai preso, così sono andato alla scuola civica di musica nella quale ho fatto solo un anno accademico e poi ho smesso di andarci perché non ha soddisfatto le mie esigenze. Dopo la scuola civica ho fatto solo lezioni private. Sono sempre stato classificato come tenore.
Gli insegnanti da cui mi sono fatto sentire dicevano che la mia voce era ancora immatura, e questo ci sta anche. Ma non ho trovato nessuno che veramente glie ne importasse qualcosa di insegnarmi e che prendesse a cuore la mia causa. Gli insegnanti di canto lirico preferiscono prendere come allievi ragazzi già impostati. Adesso ho 20 anni e sono ancora a un punto fermo. Più volte, anche dai miei stessi insegnanti privati, mi è stata sottolineata l'importanza di andare all'estero perché qua in Italia siamo in uno stato di degrado (soprattutto dal punto di vista dell'insegnamento musicale).
Cosa potrei fare almeno per poter cominciare a studiare ciò che desidero tanto? Non chiedo tanto, almeno aver la possibilità di cominciare, dopotutto io penso che la musica sia per tutti.
Aspetto una risposta!
Ciao

 

Ciao Enrico,
quello che mi colpisce nella tua email è che hai appena vent'anni ma hai già fatto un bel pezzo di trafila, tutta tipicamente italiana....
Un ragazzo che desidera studiare dovrebbe potersi iscrivere ad una scuola senza iniziare a girovagare perdendo tempo e sprecando risorse..
E' vero, è una stortura tutta italiana: ci si sente disorientati, "soli", si ricevono informazioni e suggerimenti contradditori... e la frustrazione
aumenta.
Il sistema scolastico italiano è limitato e assolutamente non adeguato alle richieste e alle esigenze più diffuse di studiare canto. E' ormai
strutturato come l'università e si rivolge quindi solo a che decide di investire il proprio futuro nella musica.
E tutti gli altri? Si affidano a scuole di musica, non tutte all'altezza e comunque costose, oppure si rivolgono ad un insegnante privato. E qui, ci
vuole molta fortuna...e sicuramente una buona disponibilità economica.
Quindi, non so quanto l'argomento possa essere consolatorio per te, ma ti assicuro che non sei un caso isolato...

Chiariscimi però alcuni punti:
1. Perchè a 18 anni sapevi già che non ti avrebbero preso al Conservatorio?
2. Cosa significa che gli insegnanti di canto lirico preferiscono solo voci impostate?
Forse intendevi dire voci "naturali", facili. E tu probabilmente non hai una voce naturale particolarmente importante, giusto?
Purtroppo anche questo è vero, è più comodo avere degli allievi dotati, anche se le insidie per chi nasce con una voce istintiva non mancano.

Dunque, il tuo problema mi sembra principalmente quello di trovare una persona competente che sappia capire qual è la strada migliore per te e ti
faccia riacquistare fiducia.
Se hai voglia di imparare a cantare perchè mai non dovresti provarci???

Dimmi in quale città vivi, vediamo se posso aiutarti.

Un caro saluto
Giulia

 
COMMENTI