Intervista a Fiorenza Cossotto Intervista a Fiorenza Cossotto
Il solo nome di Fiorenza Cossotto evoca il repertorio lirico più importante
Intervista a Francesco Anile Intervista a Francesco Anile
Francesco Anile: la straordinaria storia del tenore che ha conquistato la Scala.
Speciale L'insegnante di canto Speciale L'insegnante di canto
La responsabilità di un rapporto importante e delicato.
Tecnica vocale
Giulia risponde, chiedi anche tu un consiglio
Scrivi a Giulia Segui Giulia su Facebook

Non mi piace il timbro della mia voce!

22/07/2011
Cara Giulia,
anch'io come molti altri che Le hanno scritto ama il canto e vorrebbe almeno tentare di provare a mettersi in gioco.
Incomincio col ringraziarLa per il magnifico sito che, oltre che ben strutturato, è davvero molto stimolante.
Tornando a me, ho 18 anni e da un annetto e mezzo studio pianoforte. Nel cominciare ovviamente mi son trovato di fronte al solfeggio cantato e alla difficile arte del canto. Tra video di youtube e dischi d'opera la mia passione si è parecchio coltivata. Ma Le espongo il mio problema: il mio maestro (insegna anche canto) sostiene che ho un buon orecchio e un'intonazione niente male; tuttavia nell'ascoltarmi la mia voce non mi piace, e il brutto non so in cosa risieda. Premetto che un po' per timidezza, un po' per l'abitudine di parlare troppo veloce, spesso parlo su registri molto alti e la mia voce spesso è stridula. Non credo che sia questione di pronuncia perchè grazie al maestro ho imparato ad aprire e chiudere le vocali a dovere e, quando il problema nasce da qui, riesco a risolverlo.
Cerco di seguire al meglio tutti i consigli riguardo la respirazione e la postura, ma il brutto timbro continua a rimanere
Le chiedo perciò un consiglio su come poter risolvere, se possibile, questo problema.
La ringrazio anticipatamente dell'aiuto. Giovanni


Caro Giovanni,
grazie per avermi scritto e per il caloroso apprezzamento .
Questa tua email un po' "curiosa" mi dà l'opportunità di parlare brevemente di un altro tema molto importante: accettare la propria voce senza modelli prestabiliti.
Non esiste un timbro bello e un timbro brutto: ognuno ha il suo.
E' vero che ci sono voci che naturalmente sono più "belle" di altre, ma ciò che conta è saper cantare.
Valga per tutti l'esempio della più grande cantante di tutti i tempi che non si può dire avesse una voce "bellissima", ma ha sovrastato tutte le altre: Maria Callas.
Qui si parla ovviamente di un'artista eccezionale sotto tutti i punti di vista, e probabilmente inarrivabile.
Ora io non so se il tuo timbro sia davvero così sgradevole come dici tu, probabilmente non è così, e solo questione di studio e di tempo:
hai 18 anni e non hai ancora cominciato a studiare canto! Come fai a dire che la tua voce non ha un bel timbro, non sarà semplicemente incolta?
Ti dirò di più: 18 anni è ancora un'età in cui un uomo non ha le strutture completamente "assestate".
Non lo dico io: leggi l'intervista a Giovanna Canetti su www.cantarelopera.com : per iniziare a studiare canto lirico consiglia i 18 anni alle donne e i 20 agli uomini.
Tutto questo non toglie, comunque, che l'accettazione della propria voce è un punto di partenza irrinunciabile per imparare a cantare: piuttosto che nell'atteggiamento del "giudicare" tutti gli studenti nei primi anni dovrebbero mettersi in quello dell'"osservare", scegliendo di "accogliere" ciò che accade nella propria voce senza giudizi di merito.
Non è una differenza sottile.
 
Un abbraccio
Giulia
CONTINUA A LEGGERE LE RISPOSTE DI GIULIA
 
COMMENTI