Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
News    |    anno 2013

Un tuffo nell’universo musicale di Schubert, con la Winterreise

venerdì 01
feb 2013
I Maestri Lars Grünwoldt e Andrea Rucli

Il prossimo appuntamento de "I Lunedì del Pontificio Istituto di Musica Sacra", il 4 febbraio 2013 alle 19 nella Sala Accademica del Pontificio Istituto di Musica Sacra (Piazza Sant’Agostino, 20a) propone un capolavoro assoluto del repertorio vocale romantico, il ciclo liederistico Die Winterreise (Viaggio d’inverno) di Schubert, affidato al baritono Lars Grünwoldt e al pianista Andrea Rucli. Composto su testi del poeta Wilhelm Müller nel 1827, questo ciclo di Schubert è formato da ventiquattro Lieder suddivisi in due parti, racconta il cuore, l’anima, i sentimenti e le emozioni del protagonista, un viandante solitario che affronta l’inverno in tutti i suoi aspetti, per sfuggire al ricordo di un amore impossibile.

Lars Grünwoldt, baritono, nasce nel 1974 in Germania. Inizia i studi presso la "Hochschule" di Rostock e successivamente alla rinomato Scuola Superiore "Hans Eisler" di Berlino sotto la guida di S. Weir. Frequenta le masterclass di D. Fischer-Dieskau e T. Quasthoff. Vince numerosi concorsi e borse di studio ( Mozarteum di Salisburgo e Y. Menhuin Foundation). Accanto a J. Kowalski canta presso la Opera di Berlino. Collabora con le più celebre orchestra sinfoniche  fra di loro: Berliner Philharmoniker, Konzerhausorchester Berlin, Filarmonica di Praga Freiburger Barockorchester. Tra i più Si esibisce regolarmente nelle più prestigiose sale europee. Tramite il Coro della Radio di Berlino e la Opera "Sotto i Tigli" nascono le preziose collaborazioni con D. Baremboim, M. Janowski e Sir S. Rattle. Regolarmente si esibisce nella Sala Filarmonica e nel Konzerthaus di Berlino.

Andrea Rucli, pianista, si è diplomato al Conservatorio “L.Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di  Alessandro Specchi. Vincitore in numerose competizioni pianistiche di primi e secondi premi – concorsi di Alberga, Como, Aversa ecc.- , suona da più di venticinque anni sia come solista che in svariate formazioni cameristiche, collaborando con figure di primo piano del concertismo. E’ stato prima allievo, poi partner in duo pianistico e assistente per più di 10 anni, del pianista russo Konstantin Bogino, mentre ora continua da diversi anni un sodalizio di arte e amicizia pianamente soddisfacente con il violista e compositore Vladimir Mendelssohn. Ha partecipato a prestigiosi festival di musica da camera, tra cui quelli di Portogruaro (per nove anni di cui sette anni consecutivi), della Settimana Musicale al Teatro Olimpico di Vicenza, di Kuhmo in Finlandia (dove sarà stato ospite nel 2013 per la nona volta), della Società della Musica da Camera al Teatro dell’Ermitage di San Pietroburgo, del Sound Jerusalem in Israele, del Festival Pontino, del Cantiere di Montepulciano ecc. Ha registrato in cd tra l'altro opere di Dvorak a 4 mani assieme al M°Bogino, in prima assoluta un quartetto di Daniele Zanettovich. le due sonate di Robert Schumann e le romanze di Clara Wieck, assieme al violinista Lucio Degani. Particolare rilievo hanno le due incisioni (la seconda per la DYNAMIC) con alcune opere per pianoforte e per musica da camera - registrate in prima assoluta - della compositrice russa Ella Adaiewsky, frutto di un lavoro di riscoperta promosso dall’Associazione Sergio Gaggia, di cui si sono recentemente occupati anche la rivista Amadeus e Radio 3 Suite.

Nel gennaio 2010 si è esibito per i “Concerti del Quirinale” in diretta radiofonica sul III canale RAI ed in circuito Euro Radio con un’altra produzione della Gaggia, “La Pantomima Rinata”, ricostruzione musicale di Vladimir Mendelssohn della Pantomima k446 di W.A.Mozart, con una commedia dell'arte appositamente scritta da Quirino Principe.

E’ stato giovanissimo vincitore di concorso ministeriale presso il Liceo Musicale Pareggiato “G.Puccini” di Gallarate per l’insegnamento di pianoforte principale.
 

Cenni storici

Il Pontificio Istituto di Musica Sacra è stato fondato da San Pio X nel 1910 con la denominazione di "Scuola Superiore di Musica Sacra". La scuola fu aperta il 3 gennaio 1911 e confermata con il breve Expleverunt del 4 novembre dello stesso anno. Il 10 luglio del 1914, con un rescritto della Segreteria di Stato, la Scuola fu dichiarata Pontificia e le fu concessa la facoltà di conferire i gradi accademici. Pio XI, con il motu proprio Ad musicæ sacræ restitutionem (22 novembre 1922) ne diede gli statuti, confermando l'immediata dipendenza dalla Sede Apostolica. Con la costituzione apostolica Deus scientiarum Dominus (24 maggio 1931), la Scuola - denominata Pontificio Istituto di Musica Sacra - è stata inclusa tra le università e facoltà pontificie. Pio XII raccomandò vivamente la frequenza dei corsi attraverso una lettera della Segreteria di Stato all'episcopato di tutto il mondo (22 novembre 1953) e nell'enciclica Musicæ sacræ disciplina (25 dicembre 1955). Nell'Istruzione sulla Musica Sacra e la Sacra Liturgia del 3 ottobre 1958, la Sacra Congregazione dei Riti ha rilevato la priorità dell'Istituto romano rispetto alle istituzioni similari. Giovanni XXIII, in occasione del 50° anno di fondazione, con la lettera apostolica Iocunda laudatio ne esaltava l'operato e istituiva un sezione di musica per le missioni (8 dicembre 1961). Paolo VI, con il chirografo Nobile subsidium liturgiæ (22 novembre 1963) ha istituito la Consociatio Internationalis Musicæ Sacræ, la cui segreteria ha sede nell'Istituto e il 10 maggio 1975 ha fondato la Scuola di semiologia gregoriana.

Giovanni Paolo II nel 1983 ha assegnato all'Istituto l'intero immobile dell'abbazia di San Girolamo in Urbe, ove, dall'anno accademico 1984-1985, si svolge l'attività didattica e liturgica.Il 19 gennaio 2001, nel 90° anniversario di fondazione del Pontificio Istituto di Musica Sacra e a conclusione delle celebrazioni in memoria di Mons. Higini Anglès, Preside dell'Istituto dal 1947 al 1969, il corpo docente e il personale dell'Istituto sono stati ricevuti in udienza particolare da S. S. Giovanni Paolo II.

 In quell’occasione il Santo Padre ha tracciato autorevolmente le vie maestre della musica sacra, testimoniando la Sua alta considerazione e il Suo apprezzamento nei confronti dell'attività didattica, artistica e liturgica dell'Istituto.
Il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, in qualità di istituzione accademica e scientifica eretta dalla Sede Apostolica gode di propria personalità giuridica e si regge sulle norme del diritto canonico, su statuti propri approvati dalla Santa Sede e sulle norme approvate dal Consiglio Accademico; per facoltà della Sede Apostolica, conferisce i gradi accademici di Baccalaureato, Licenza, Magistero e Dottorato.

L'Istituto persegue le seguenti finalità: insegnare le discipline liturgico-musicali sotto il profilo pratico, teorico e storico; promuovere la conoscenza e la diffusione del patrimonio tradizionale della musica sacra e favorire espressioni artistiche adeguate alle odierne culture; rendere, per incarico della Chiesa madre di Roma, un servizio alle Chiese locali di tutto il mondo, in vista della formazione dei musicisti di chiesa e dei futuri insegnanti nell'ambito della musica sacra. L'Istituto adempie al suo mandato tramite l'insegnamento delle discipline curriculari, la ricerca e l'analisi storico-estetica, la pubblicazione di opere musicali e scientifiche, l'esecuzione in sede concertistica e liturgica di brani musicali, con l'intento di diffondere il repertorio del passato e del presente.

Il Pontificio Istituto di Musica Sacra promuove inoltre lo sviluppo di centri di studio sulla musica sacra sia a livello accademico (Università, Scuole superiori) che pastorale (Scuole diocesane) e l'organizzazione di convegni di studio e corsi di specializzazione e perfezionamento (Master).

 

INFO
Tel. 06. 6638792
www.musicasacra.va
e-mail  pims@musicasacra.va

Sedi degli eventi:
Sala Accademica - Piazza Sant’Agostino 20/a
Basilica di Sant’Apollinare - Piazza Sant’Apollinare

Mezzi pubblici
Bus 46, 64, 492, 70

Orario spettacoli: ore 19,00

 
LASCIA UN COMMENTO