www.cantarelopera.com www.cantarelopera.com
Un mondo di servizi dedicati a te!
www.cantarelopera.com www.cantarelopera.com
Un mondo di servizi dedicati a te!
News    |    anno 2021

Madama Butterfly apre la Stagione lirica di Sassari 2021

sabato 02
ott 2021
Sarà Madama Butterfly in un nuovo allestimento originale a riaccogliere il pubblico della Stagione lirica di Sassari al Teatro Comunale. La “tragedia giapponese” di Giacomo Puccini è il primo titolo in cartellone per la Stagione 2021, allestita dall’Ente Concerti “Marialisa de Carolis” dall’8 ottobre al 5 dicembre. 

Butterfly (8-10 ottobre), presentata dall’Ente Concerti 7 volte, l’ultima nel 2014, sarà diretta dal giovane ma già affermato Marco Alibrando, a Sassari nella passata Stagione per Il tabarro, mentre la regia è affidata all’esperto Giulio Ciabatti (Tosca e Il barbiere di Siviglia 2017, Suor Angelica 2020). Il cast è di livello internazionale: nel ruolo del titolo il soprano coreano Karah Son, già Butterfly nei teatri di tutto il mondo; con lei il tenore Roberto Aronica (Pinkerton), protagonista sulle scene più prestigiose, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York, dalla Royal Opera House di Londra al Liceu di Barcellona. E poi ancora Angelo Veccia (Sharpless), Bruno Lazzaretti (Goro) e molti giovani cantanti sardi: Martina Serra (Suzuki), Petra Haluskova (Kate Pinkerton), Claudio Deledda (Yamadori), Alessandro Abis (Bonzo) e i solisti del Coro dell’Ente Concerti preparato da Antonio Costa. Le scene sono di Maddalena Moretti, i costumi di Filippo Guggia e il disegno luci di Tony Grandi. Come per tutte le produzioni in cartellone, sono previste due recite: la prima alle 20,30 e la replica alle 16,30.

Il secondo titolo in programma è Il turco in Italia di Gioachino Rossini (29-31 ottobre), eseguito a Sassari in tempi moderni soltanto nel 1983. Il “dramma buffo per musica” sarà diretto da Attilio Tomasello in un allestimento firmato da Alfonso Antoniozzi per il Teatro Fraschini di Pavia. Tra i protagonisti Simone Alberghini (Selim), Daniela Cappiello (Fiorilla), Marco Bussi (Geronio), William Hernández (Prosdocimo). Le parti corali sono affidate alla “Canepa” istruita da Luca Sirigu.

L’appuntamento successivo (12-14 novembre) è con l’inedito dittico Il telefono (The telephone) di Giancarlo Menotti e La serva padrona di Giovanni Battista Pergolesi. The telephone, composto nel 1947, sarà presentato nella versione originale in lingua inglese. Era stato eseguito a Sassari nel 1957. La serva padrona, di due secoli più antica, manca invece da sessant’anni esatti. L’Orchestra dell’Ente sarà diretta da Alessandro Palumbo, la regia è di Jacopo Fo, in un nuovo allestimento in coproduzione con la Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi. A dare vita ai vari personaggi sul palco saranno il soprano Aleksandra Kubas-Kruk (applauditissima Gilda nel Rigoletto 2018) e il baritono Filippo Polinelli.

La Stagione 2021 si chiuderà il 3-5 dicembre con La vedova allegra, capolavoro dell’operetta di Franz Lehár, titolo ormai entrato stabilmente nei cartelloni dei teatri lirici ma mai eseguito, finora, dall’Ente Concerti. Sul podio salirà il direttore catalano Sergio Alapont (Aida 2015, Roméo et Juliette 2012, Norma 2011, Il barbiere di Siviglia 2010). Tra i tanti protagonisti, Clemente Antonio Daliotti, Vincenzo Nizzardo, Marco Miglietta, Madina Karbeli, Andrea Binetti e tanti giovani cantanti sardi, insieme al Coro dell’Ente, in un divertente allestimento di Renato Bonajuto e Andrea Merli.

 
 
 
LASCIA UN COMMENTO