Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
News    |    anno 2012

La Boheme al Teatro Pirandello di Agrigento

mercoledì 22
feb 2012
Ad Agrigento nella splendida cornice del Teatro Pirandello di Agrigento il 18 e 19 Febbraio è andata in scena la Boheme di Giacomo Puccini Regia di Paolo Panizza diretta da Vicktor Bochmann.

Dopo circa sessant’anni il Teatro Pirandello di Agrigento riapre le porte alla lirica con un grande sforzo dell’amministrazione Comunale di Massimo Zambuto e della Fondazione Teatro Pirandello presieduta da Massimo Muglia, e con la direzione artistica del M° Onofrio Claudio Gallina divenendo Teatro Produttore.

In tempi di crisi economica la Fondazione Teatro Pirandello di Agrigento presieduta dal Sindaco di Agrigento Marco Zambuto e guidata dal direttore generale Massimo Muglia e come scelte artistiche dal direttore artistico per la lirica M° Onofrio Claudio Gallina , in piena controtendenza investe nella produzione di un nuovo spettacolo “La Boheme di Puccini” con la regia di Paolo Panizza.

La produzione di questa Boheme ha visto uno sforzo di circa 150 maestranze tra orchestrali, coristi, macchinisti, sarte, truccatrici. Le maestranze impiegate sono almeno per il 50 % agrigentine.

La regia firmata da Paolo Panizza è veramente un capolavoro d’arte scultoria, e di Light designer, giocata sulla distribuzione dei volumi, con l’uso di pedane e praticabili crea un efficace gioco volumetrico sfruttando gli spazi in altezza. Ma la forza di questa regia è data anche dai giochi di colori a cominciare dal colore bianco delle pedane e verde pastello degli arredi e della stufa, sino all’utilizzo di delizioso siparietto di raso di seta viola corredato dall’illuminotecnica violacee per il valzer di Musetta. Eccellente la distribuzione delle masse , circa un centinaio di persone tra coro e figuranti fruttati creando un gioco di plastico che esaltava i volumi, le luci e i colori vivaci dei costumi, ciò rendeva il secondo quadro un grande festa sontuosa, che materializza come in un quadro impressionista la vita parigina del cafè Momus.

 
LASCIA UN COMMENTO