Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2018
News    |    anno 2018

“I fantasmi dell’opera” di Gianni Gori

lunedì 29
gen 2018
Due “capricci” sull’Opera per gli appassionati dell’Opera in un “reading” affidato alla voce dell’attrice milanese Gianna Coletti.
“American Cup” e “La sopravvissuta” cui la Coletti darà vita scenica il 10 febbraio a Bergamo (Sala Piatti, ore 16) e il 12 a Milano (Sala del Grechetto/Palazzo Sormani, ore 18)  per i Pomeriggi musicali curati da Denia Mazzola Gavazzeni, sono tratti da I fantasmi dell’opera del triestino Gianni Gori
Appartengono ai racconti di cui Giorgio Bàrberi Squarotti ammirava l’eleganza fra ironia e drammaticità e Riccardo Pazzaglia il ritmo di commedia musicale.  Franca Valeri aggiungeva “C’è nei racconti di Gori – riuniti sotto un titolo a metà strada tra un giallo e un musical –  tutta la sua vita nel Teatro”.   È un gioco che smonta e ricompone  con fantasia divertente, impertinente ed affettuosa i luoghi dell’opera lirica. 
In “American Cup” si prefigura un’incredibile regata nella baia di San Francisco alla quale partecipano le imbarcazioni dei più celebri personaggi del melodramma. Ne “La sopravvissuta” si immagina un bizzarro finale alternativo dell’Andrea Chénier attraverso il destino di Maddalena di Coigny e del suo doppio Idia Legray rocambolescamente scampate alla ghigliottina.
 
Con l’attrice e con la stessa Mazzola Gavazzeni intervengono nello spettacolo il tenore Ramtin Ghazavi e la pianista Gie Han.
Nel teatro di prosa con Gianrico Tedeschi, Aroldo Tieri, Garinei&Giovannini, lo Stabile di Bolzano, nel cabaret e nel teatro-canzone, sul grande schermo con Monicelli, nelle fiction televisive, Gianna Coletti coniuga il proprio vivace talento comico con l’impegno di scrittrice di successo (Mamma a carico, Einaudi edito da Einaudi).
I due eventi sono prodotti  da Ab Harmoniae Onlus nell’ambito della rassegna Armonie della Voce alla sua seconda edizione, in collaborazione con Fondazione MIA di Bergamo e Serate Musicali di Milano.
L’ingresso è gratuito.

 
LASCIA UN COMMENTO