Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
News    |    anno 2013

Clari Splendete - Cenacolo Musicale

giovedì 24
ott 2013
Locandina
Ordire un programma musicale è come raccontare una favola nella quale si presentano e si fanno incontrare attraverso pagine di musica, personaggi le cui vicende artistiche si sono intersecate, magari solo un istante appena, ma sufficiente a segnare la storia. È il caso di questo nostro racconto; immaginate un tempo nel quale il prestigio d'una casata o di un regno si misurava con il metro della prodigalità artistica, un affresco sonoro della nostra storia gloriosa nella quale l'Italia era non una scuola bensì “La Scuola” della Musica ed in special modo Bologna, Roma e Napoli. E proprio intrecciando i precetti estetici di queste tre realtà che ne scaturisce la nostra vicenda... 
 
La Roma di fine Seicento e per tutto il diciottesimo secolo, era una terra ove il genio era subito riconosciuto, dove il mecenate non mancava di sostenere grandiosi progetti siano essi architettonici che musicali, un polo che radunava pertanto i più eruditi, moderni, ambiziosi artisti d'ogni luogo d'Italia e d'Europa. La presenza di Corelli, proprio nel segmento temporale d'oro di questa terra, il primo settecento, contribuì senza dubbio a radunare i migliori musici dell'epoca e a tracciare le linee guida che portarono alla scuola violinistica, dalle quali quella d'oggi prese poi le mosse. 
Ma non fu il genere strumentale a dominare, questo dovette spartire le preferenze dei compositori con quello vocale da camera e da Chiesa (compresi gli Oratori), nel quale, a volte anche più che nell'Opera, confluirono gli affetti ed effetti, nonché i gusti estetici più raffinati e moderni; testimone di questo è senza dubbio proprio l'ultimo componimento in programma, il Gloria di Handel. Scritto nel periodo romano nel quale il compositore fu “alla corte” proprio del Corelli, esso riassume senza dubbio quelle ambizioni musicali che il Caro Sassone (come fu battezzato Handel) sviluppò poi nell'Opera che lo fece grande in tutta Europa: la voce è trattata come uno strumento (con stesse agilità e prassi) e parimenti il violino è trattato come la voce (stessa pronuncia e stessa liricità) in un elegantissimo duello che non ha vincitori ma vinti. Nel 1710 Handel, ultimo periodo di permanenza nella penisola, ebbe modo di incontrare Nicola Porpora, autore dell'opera Berenice, dove ammirò e forse riconobbe quella magnifica solennità che più tardi, in Inghilterra, sarebbe stato tra gli elementi di acerrima rivalità. Questo mottetto, composto nel 1744 durante un soggiorno a Venezia, dimostra già uno stile vicino allo spirito galante, nel quale la pienezza del suono italiano, cede il passo, specie per la voce, verso una leggerezza ed una cantabilità più vicina all'aria Operistica; al solo recitativo accompagnato posto nel mezzo vi si ritrova, benché in parte, quell'idea di contrasti d'affetti più propria dei decenni precedenti. Forse fu proprio questo nuovo modo di comporre ad affascinare a Vienna, negli anni successivi e fino al 1755, il giovanissimo Haydn che ne ebbe consigli, suggerimenti e stimoli. 
 
Discorso a parte va fatto per i due componimenti strumentali presenti nel programma, il primo appartenente all'opera uno [1793] del virtuoso e poeta Giuseppe Valentini, allievo del bolognese Bononcini, romano d'adozione che in questa cittadina trovò imperitura gloria, collocandosi sul mesto declino del Corelli, le cui esibizioni, come testimonia Burney, erano sempre meno apprezzate in favore invece del fiorentino violinista. Questo modificarsi del gusto del pubblico è senza dubbio un segno del tempo e di come la tendenza fosse direzionata verso un contrasto sempre più netto tra i vari caratteri, e soprattutto verso un virtuosismo che non era proprio del fusignate Arcangelo Corelli, proiettato invece verso uno strumentismo-vocale, concetto che venne presto abbandonato benché sempre ammirato. La Sonata di Arcomelo Arimanteo, pseudonimo usato dal Corelli quale membro dell'Arcadia, è invece un omaggio che l'Ensemble Cenacolo Musicale ha ordito nel trecentesimo della morte dell'Arcangel Terreno; si tratta di un pastiche in cinque parti, composto da movimenti di sonate dell'op. II, III e IV orchestrate a due violini, viola, violoncello e basso continuo, in favore di una pratica propria dell'epoca di trasformare le trio sonate in veri pezzi orchestrali, anche rimaneggiando le varie parti ed inserendo, come in questo caso, la viola ora come parte autonoma ora di raddoppio, secondo un uso storicamente e propriamente detto romano. 
Buon ascolto 

PROGRAMMA
 
Giuseppe Valentini 1681 – 1753
Sinfonia a due violini (violetta) e basso continuo 
op. I N.° 12 per la solennità del Santissimo Natale 
 
Nicolò Porpora 1686 – 1766
Clari Splendete
mottetto a voce sola, con due violini, violetta e basso continuo 
moderato, recitativo, moderato, allegro 
 
Arcangelo Corelli 1653 – 1713
Sonata di Arcomelo Arimanteo [extra opus] 
 
Georg Fredrich Handel 1685 – 1759
Gloria in Excelsis Deo HWV deest. 
mottetto a voce sola, con due violini, (violetta) e basso continuo 
 
Soprano Gemma Bertagnolli 
 
Violini Silvia Colli, Marialuisa Barbon 
Viola Clelia Gozzo 
Violoncello Gioele Gusberti 
Violone Daniele Carnio 
Tiorba Pierpaolo Ciurlia 
Organo Donatella Busetto 
 
 
CENACOLO MUSICALE 
Il gruppo di musica antica CENACOLO MUSICALE, matrice storica dell’Associazione BAROCCO EUROPEO, nasce nel1993 per iniziativa di Donatella Busetto e dalla collaborazione di alcuni musicisti e studiosi che condividono preparazione professionale, attività concertistica e interesse per il repertorio barocco. Rifacendosi ai principi di più famosi sodalizi culturali e musicali del '600 e '700 (camerate ed accademie), i membri del gruppo ripropongono una forma di libera associazione che, collaborando con docenti di fama internazionale, intende farsi promotrice di iniziative culturali di alto perfezionamento artistico-professionale relativamente al repertorio barocco. Il repertorio del gruppo spazia tra musica strumentale e cantate sacre e profane di autori del 600 e 700. I programmi vengono strutturati secondo tracce tematiche che vanno dalla presentazione di un particolare autore, all'approfondimento di forme e di generi, alla comparazione stilistica di più autori,all'individuazione di pagine composte in visione di particolari occasioni sociali o religiose dell'epoca. Inconsueti e variabili gli organici proposti: voce solista con basso continuo, duetti per soprano e contralto con violini e basso continuo, voce solista e quartetto d'archi e basso continuo, duo cembalistico, concerti per strumento solista ed archi, quintetto vocale, ecc. 
Notevole il consenso di pubblico e critica specialistica che il gruppo ha saputo raccogliere attorno alle proprie esecuzioni, pregevoli per cura filologica e per ricchezza di pagine inedite .Il gruppo nel 2002 ha inciso il Cd "Gaude, nunc gaude"-Musica sacra italiana tra '500 e '700 per l'etichetta Rainbow. Fin dal 2000 organizza a Sacile i Seminari Internazionali Musica Barocca che hanno visto la partecipazione di allievi di tutt’Europa per la presenza di alcuni tra i più prestigiosi specialisti del repertorio barocco: Edward Smith, Sara Mingardo, Marcello 
Gatti, Stefano Montanari, Alessandro Ciccolini, Claudine Ansermet. 
I maggiori progetti realizzati : Leçons de Ténèbres- Motetti per la liturgia della Settimana Santa (autori italiani e francesi) per voce di Basso e Contralto e quintetto d’archi. 
Il Barocco strumentale tra Friuli e Venezia - autori inediti del ‘600 Friulano e di contemporanei veneziani. A Palazzo, spettacolo realizzato con la partecipazione del Gruppo Danza Les Cinqpas su un progetto di rivalutazione di Salvator Gandino e Giulio Mussi, autori friulani del Pordenonese della prima metà del ‘600. Le Dame di Ferrara: i Madrigali di Luzzasco Luzzaschi - spettacolo tra teatro e musica. Shakespeare for a While, spettacolo su Shakespeare, selezione di testi abbinati a musiche di autori coevi. Crudo Mar di Fiamme Orribili – Stradella e il Barocco italiano. Cantate per Basso e quintetto d’archi tratte dal repertorio sacro di Stradella. Ich habe Genug – Bach e il sentimento della Morte – La cantata solistica BWV 82 per Basso solo e oboe. Venezia, la Musica, Casanova – Ritratto di Venezia tra Letteratura e Musica. Albinoni e dintorni – Sonate a cinque e sinfonie per archi. 
Il concerto Lieve Zefiro, Cantate per alto e continuo con repertorio inedito di Benedetto Marcello, è recentemente stato ospite dell’edizione 2013 del Festival Barocco Viterbo. 

 
 
LASCIA UN COMMENTO