Audizioni Concorsi Corsi e Masterclasses Insegnanti di Canto

 
 L' ASSOCIAZIONE
Il Progetto
Lo Statuto
Servizi per i Soci
Diventa Socio
Convenzioni e Sconti
Spazio Soci
Collabora con noi
 
Spazio Soci
NEWS & ALTRO      

appuntamenti, informazioni        del:05/09/2018

Il Convitato di Pietra di Pacini al 64° Festival Puccini di Torre del Lago Il Convitato di Pietra di Pacini al 64° Festival Puccini di Torre del Lago

Presso il giardino della Villa Paolina di Viareggio, in un contesto molto suggestivo e singolare, venerdì 24 agosto 2018 alle ore 21.00 ha avuto luogo la rappresentazione de "Il Convitato di Pietra" di Giovanni Pacini, autore che ha vissuto con Paolina Bonaparte, sua amante, proprio nella villa teatro della messa in scena, più di venti anni.
Interpreti i giovani artisti dell'Accademia del Festival Puccini, diretti dal M° Daniele Ferrari, che ha curato anche la revisione dell'opera, con la prestigiosa regia di Giandomenico Vaccari.
Il protagonista, Don Giovanni, è stato il bravo tenore Vladimir Reutov, aitante e di intrigante personalità, Alessandro Ceccarini, un disinvolto e sicuro Ficcanaso con ottima vocalità e presenza scenica, Daniela Nuzzoli, una Donna Anna con vocalità importante e ottima musicalità, Alessandro Biagiotti, Masetto di vocalità molto presente e scenicamente spigliato, Micaela Sarah D'Alessandro, una Zerlina dolce e virtuosa come il ruolo prescrive, Massimo Schillaci, giovane Commendatore promettente e scenicamente credibile.
Buona la prova del Coro del Festival Puccini diretto dal M° Roberto Ardigò.
Grazie alla direzione del M° Daniele Ferrari è stato possibile apprezzare, in una serata funestata dalla pioggia tra il primo e il secondo atto, molte sfaccettature della partitura paciniana, che rilevano il grado superiore del compositore, ingiustamente caduto nell'oblio dei tempi, che, malgrado alcuni numeri fossero riadattati da opere precedenti, ha saputo infondere in questa "opera casalinga" molti tratti del suo stile compositivo.
"L'operetta o farsa" per casa Belluomini, così si presentava al pubblico della Villa Paolina, con la regia di Giandomenico Vaccari, celebre regista e uomo di teatro, che ha saputo sfruttare al massimo il piccolo palcoscenico, trasferendo alle sue adiacenze alcuni recitativi (per la prima volta in assoluto cantati) e alcune controscene. Molto azzeccato l'utilizzo di un tavolo "alla bisogna", che è stato ruotato e fruito sia sopra che sotto (esilaranti in particolare le controscene di Ficcanaso) in tutti i numeri della partitura, mutando da talamo del piacere a tavolo di obitorio, da monumento funebre a desco di gozzoviglia.
Deliziose e rispettose le citazioni del regista a spettacoli celebri della commedia dell'arte, e geniale il finale "a sorpresa" con la non morte di Don Giovanni, che fugge da eroe libertino sempre eterno e modello sempre attuale.
L'evento è stato organizzato dalla Fondazione Festival Puccini in collaborazione con l'associazione Amici del Festival Puccini.
Al termine della recita moltissimi applausi per gli esecutori, che hanno dato ottima prova delle loro qualità e della loro arte in un contesto non facile.
Siamo certi che questo evento musicale, posto in cartellone quasi alla conclusione del 64° Festival Puccini di Torre del Lago, abbia gettato le basi per la continuazione del Progetto Pacini anche negli anni avvenire.

autore: Laura Grossi

Informazioni:
Tel: 3282791654
Email: ceccofil@alice.it

 
 

© Copyright 2018 - Associazione culturale non-profit "Cantare l'Opera"® - C.F.: 97445470582 - P. IVA 11060961007 - All right reserved
E' vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti contenuti del sito - Cantare l'Opera è un marchio registrato
Termini e condizioni d'uso Privacy policy Note legali Credits