Audizioni Concorsi Corsi e Masterclasses Servizi per i Soci

 
 L' ASSOCIAZIONE
Il Progetto
Lo Statuto
Servizi per i Soci
Diventa Socio
Convenzioni e Sconti
Spazio Soci
Collabora con noi
 
Diventa Socio di Cantare l'Opera® Diventa Socio di Cantare l'Opera®
Campagna associativa 2017
Spazio Soci
NEWS & ALTRO      

Eventi        del:20/11/2013

HARAWI - Canto di amore e morte HARAWI - Canto di amore e morte

21 - 23 Novembre
Giovedì e venerdì h 20.30
Sabato h 18.00

nell'ambito di
ROMAEUROPA FESTIVAL 2013

Teatro Vascello
via Carini, 78 - Roma
Santasangre

HARAWI
di Olivier Messiaen


Olivier Messiaen, compositore francese del XX secolo, nel 1945 scrive Harawi, canto di amore e morte, facente parte di un ciclo di composizioni legate al mito di Tristano ed Isotta. Qui Messiaen sceglie come tema l'amore umano, in contrapposizione a quello divino che aveva cantato fino a quel momento. "Charme des impossibilités" così definisce Messiaen la natura della propria poetica: un fascino nei confronti dell'impossibilità della musica a cui il compositore francese non si è mai sottratto. Da vero visionario o da puro folle, Messiaen seppe attenersi a questa vocazione anche nell'esito estremo di Harawi.

Nello spettacolo della compagnia Santasangre il piano linguistico, estetico e compositivo passerà attraverso una tensione dialetta che sviluppa i concetti filosofici di Eros e Thanatos: l'amore è la pulsione di vita che in continua tensione dialettica con la morte (pulsione di distruzione) crea nuove organizzazioni della realtà sempre più complesse e armonizzate, in altre parole le trasformazioni all'interno delle quali l'individuo crea la propria identità.

La parte musicale coinciderà nell'esecuzione fedele del brano ad opera del pianista Lucio Perotti e della soprano Matelda Viola. L'interpretazione dei due amanti sarà affidata a Maria Teresa Bax e Marcello Salvati. La tensione della dialettica tra Eros e Thanatos sarà resa essenziale ponendo accanto ai due innamorati un ginnasta esperto negli anelli. Questa disciplina si avvicina al volo, sia per alcune pose, sia per essere distante dalla terra e, se pur con una sfumatura diversa, contiene il senso di tensione. Il volo rappresenta allo stesso momento quella capacità di lanciarsi e abbandonarsi a un'altra dimensione, ma anche la libertà di poter essere.

Testo e musica: Olivier Messiaen
Soprano: Matelda Viola
Pianoforte: M° Lucio Perotti
Ideazione: Diana Arbib, Luca Brinchi, Dario Salvagnini, Roberta Zanardo
Con: Maria Teresa Bax, Marcello Sambati, Antonello Compagnoni, Monica Galli
Produzione: Sagra Musicale Malatestiana e Santasangre

Con il contributo della Regione Lazio
Con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
sno production/MIT

Organizzazione Santasangre
Giulia Basaglia
334 1428957
www.santasangre.net

Per info e prenotazioni
www.romaeuropa.net
06 45553050
promozione@romaeuropa.net

autore:

Informazioni:
Tel: 06 45553050
Email: promozione@romaeuropa.net

 
 

© Copyright 2017 - Associazione culturale non-profit "Cantare l'Opera"® - C.F.: 97445470582 - P. IVA 11060961007 - All right reserved
E' vietata la riproduzione, anche parziale, di tutti contenuti del sito - Cantare l'Opera è un marchio registrato
Termini e condizioni d'uso Privacy policy Note legali Credits